Contattaci:

Via Cristo 49, Venafro, 86079 (IS). cell. 329 6939118 tel/fax. 0865 900159

one of the "Best places to stay in Italy" by Travel 2010

Map Icon

  • contattaci:
  • info@dimoradelprete.it
  • +39 0865 900159

San Vincenzo al Volturno

6 marzo 2014

Il Chronicom Volturnense, codice miniato redatto in scrittura beneventana intorno al 1130 dal monaco Giovanni, da luce sulle vicende storiche del monastero, fondato da tre nobili beneventani, Paolo, Taso e Tato. Nel 782 l’abate Potone, succeduto ad Autperto, giura fedeltà al re franco Carlo Magno. Nell’881 un gruppo di Arabi, al servizio del duca/vescovo di Napoli Atanasio II, saccheggia e mette a fuoco il compleso monastico. Nel XI secolo i monaci ricostruirono la comunità cenobitica sulla riva destra del Volturno.

sanvincenzoL’abbazia di San Vincenzo al Volturno (XIII sec.). La città monastica, il cui nucleo originale risale al 703 d.c., costituì un importantissimo centro religioso e amministrativo. Si estendevano per circa 6 ettari e al suo interno ospitava 8 chiese e decine di edifici. Il saccheggio dei Saraceni dell’801 segnò il suo declino. La sua epopea è narrata nel Chronicon Volturnense in cui il monaco Giovanni rievoca 400 anni di storia della comunità

Sepino

Saepinum / Altilia (Km 65)

saepinum
La città, risalente alle migrazioni della transumanza, era luogo adibito a scambio di mercanzie ed animali. Tra il 2° sec. a.C. ed il 4° d.C. fu effettuata la fortificazione della città con l’innalzamento delle mura di origine sannita. Le quattro porte sono ancora ben identificabili. All’interno dell’insediamento urbano si riconosce ancora il tessuto viario. Sul lato destro si trovano il ‘macellum’, la basilica, il tribunale ed il Foro.

Pietrabbondante

5 marzo 2014

Gran parte degli archeologi identificano il sito con l’antica Bovianum Vetus. Il sito costituisce la più antica testimonianza del Sannio preromano. Il teatro, a 1000 m. di quota, si trova sul versante orientale del Monte Saraceno, in posizione in declivio aperta sulla valle del Trigno.

pietrabbondante
per maggiori informazioni su Pietrabbondante, storia e archeologia del Molise
www.francovalente.it

Il Teatro dei Sanniti, con i sedili dalla froma anatomica scolpiti ciascuno in un unico blocco di pietra. Alle spalle del Teatro sorge il basamento del tempio. L’intero complesso archeologico costituisce il più importante Santuario religioso e politico dei Sanniti, dove nel Tempio i sacerdoti sacrificavano agli dei e nel Teatro il Senato si riuniva per decidere le sorti del primo Stato confederato della storia.

Isernia

Isernia La Pineta: il ritrovamento paleoantropologico più importante d’Europa ci ha permesso di conoscere la flora, la fauna e gli utensili adoperati dall’Homo Erectus 736.000 anni fa. Il Museo Nazionale del Paleolitico è un laboratorio permanente dove è possibile assistere agli scavi effettuati dagli studiosi.  link al sito paleolitico la pineta

Da visitare:

  • Cattedrale romanica-neoclassica costruita su di un tempio pagano.
  • Resti dell’acquedotto romano.
  • Museo, nell’ex Monastero di Santa Maria delle Monache, con manufatti lapidei di epoca romana.
  • La fontana Fraterna simbolo della città, costruita fra il XIII ed il XIV sec. con elementi provenienti da un antico mausoleo.
  • Artigianato di merletti a tombolo.